La mia prima partita di pallone in 3D

Pubblicato da Andrea il

Il 5 Maggio sono andato a vedere al cinema la mia squadra del cuore di calcio, l’AS Roma sfidava l’Inter nel primo incontro italiano trasmesso in 3D via satellite valevole per la finale di Coppa Italia.

L’incontro è stato filmato dalla RAI con 16 telecamere 3D aggiuntive e transmesso criptato via satellite dal vivo ai  “the space cinema” cinema di Roma, Milano e alcune altre citta.

Abbiamo perso e sembrava un inconto di boxe invece che di calcio, così mi sono focalizzato sulla parte tecnica del nuovo standard.

Per prima cosa “odio gli occhiali!!!” e penso che per chi ne ha già un paio mettere il secondo sopra deve essere parecchio scomodo.

Anche se devo dire che ti aiutano a concentrarti sullo show ti dividono ancora di più dai tuoi amici, al cinema va bene ma a casa non penso sia il massimo.

Gli occhiali al Cinema Moderno, dove sono andato con mia moglie, sono i più comuni occhiali RealD, funzionano con una polarizzazione circolare. Questo sistema è composto da un singolo proiettore a 72fps con alternate le immagini destre e sinistre e un filtro (Polaroid) che polarizza le immagini destre e sinistre in modo opposto.

Molto economico dal lato occhiali ma con un abbattimento della luminosità dell’immagine che richiede uno speciale “silverscreen” (così chiamato per la presenza di argento nel materiale del telo) che rifletta molto bene e che costa molto più di un normale telo.

Le immagini statiche sono impressionanti e la profondità ti fa sentire come se fossi vicino al tuo calciatore preferito, quando le immagini sono ravvicinate ti sembra di essere a bordo campo e percepisci la situazione dal loro punto di vista molto meglio che con un immagine bidimensionale.

Il risultato è diverso con una ripresa da lontano e movimenti di camera veloci dove la palla si allunga, i bordi non sono precisi e l’effetto ghost dei giocatori e delgi oggetti è troppo forte per godersi l’incontro.

La mia opinione è che questa tecnologia non è ancora matura per questo tipo di sport, come per i film, ma promette un meraviglioso futuro per goderci i nostri “vecchi programmi preferiti”.


0 commenti

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.